Scambisti


Secondo alcuni sondaggi sono circa due milioni gli italiani che hanno sperimentato almeno

una volta nella vita lo scambio di coppia, mentre un milione lo fa con una certa regolarità.
La statistica sottolinea inoltre che queste persone conducono una vita normale,
professionalmente medio-alta e hanno un’età compresa tra i 30 e 50 anni.
Di fatto, non si tratta di una pratica sessuale di per sé patologica ossia di una parafilia.
Gli scambisti spesso infatti abbandonano il sesso tradizionale per scoprire forme alternative di
eccitazione che li aiutino a ritrovare quella passione che, non provano più nel rapporto
matrimoniale. Una possibile motivazione può consistere  nel bisogno di conferme, nella
curiosità di vedere la propria partner soddisfatta da un altro uomo, magari più vigoroso,
oppure semplicemente per sentirsi ancora desiderati.
Infine, forse la vera condivisione nello scambismo pare essere la scelta condivisa della coppia
con cui “scambiarsi” e la complicità della trasgressione in sé.
A sentir loro, poi, gli scambisti non si tradiscono, perché la coppia fa sesso con altri
consensualmente, e senza nascondersi dal partner. Lo scambio di coppia insomma è una sorta
di tradimento consapevole, consensuale, soprattutto perché l’elemento più importante è
l’approvazione da parte di entrambi, senza gelosia o rancore, perché altrimenti rovinerebbero la
relazione sentimentale. Nelle coppie scambiste, certo, la voglia di trasgressione è portata
all’estremo. L’incrocio di coppie non ha bisogno di sentimenti, anzi: si tratta di una pura e
semplice ricerca del piacere, senza alcuna intimità psicologica.
Ma nessuno è al riparo dal pericolo di una dipendenza: ci sono coppie che, sperimentato lo
scambio, sopravvalutano la propria capacità di lasciare libero il partner di esprimersi
sessualmente con qualcun altro. In altri casi la pratica dello scambio diventa necessaria
all’eccitazione, ma per l’altro nella coppia questa esigenza risulta insostenibile.
Ed ora la domande sono queste:
– quali sono stati i pensieri e dialoghi il giorno dopo della prima volta??
– cosa ti incuriosisce (o a incuriosito) a voler provare?